Il controllo delle variabili è essenziale nella ricerca scientifica per garantire la validità e l'affidabilità dei risultati. Anche gli studi più accuratamente preparati, tuttavia, possono essere influenzati da variabili estranee che non vengono manipolate o tenute in considerazione di proposito, ma che possono comunque influenzare le conclusioni della ricerca. Le variabili estranee possono contribuire a risultati errati, a previsioni sbagliate e alla mancanza di replicabilità della ricerca. 

Questo articolo illustra tutte le informazioni pertinenti sulle variabili estranee, i motivi della loro importanza e i tipi di variabili che si possono incontrare quando si conduce una ricerca. 

Cosa sono le variabili estranee?

Una variabile estranea è una variabile che non viene manipolata o controllata di proposito in uno studio scientifico, ma che può comunque avere un'influenza sulle conclusioni dello studio. Esse hanno la capacità di confondere o distorcere le variabili, incidendo soprattutto sulle variabili dipendenti.

Questo può mettere a rischio la validità dello studio e compromettere la capacità di trarre conclusioni appropriate o di fare ampie generalizzazioni sulla base dei risultati. Per garantire l'affidabilità e la validità dei risultati, i ricercatori devono analizzare e controllare attentamente le variabili estranee.

Le variabili estranee possono derivare da una serie di cause, tra cui le differenze tra i partecipanti, i cambiamenti nel setting sperimentale o nelle circostanze e le influenze ambientali non controllate. 

Perché le variabili estranee sono importanti?

Le variabili estranee sono importanti perché possono avere una notevole influenza sui risultati della ricerca scientifica, distorcendo e influenzando le variabili dipendenti. 

Le variabili estranee, come già detto, possono portare a risultati errati o fuorvianti se non vengono identificate e tenute in considerazione, il che può avere implicazioni sostanziali in ulteriori ricerche e applicazioni reali.

Variabili estranee possono causare distorsioni, come ad esempio:

  • Pregiudizio di abbandono: Si verifica quando i partecipanti alla ricerca che abbandonano sono sistematicamente diversi da quelli che rimangono;
  • Pregiudizio di sottocopertura: Si verifica quando un tipo specifico di individuo della popolazione non è rappresentato nel campione;
  • Bias di non risposta: Si verifica quando coloro che non rispondono a un sondaggio differiscono significativamente da coloro che lo fanno;
  • Pregiudizio di campionamento, noto anche come ascertainment bias: Si verifica quando alcuni membri della popolazione target hanno meno probabilità di essere inclusi rispetto ad altri;
  • Pregiudizio di sopravvivenza: Si verifica quando i ricercatori stabiliscono risultati basati solo su casi di persone di successo piuttosto che sull'intero gruppo.

I ricercatori possono contribuire ad assicurare la validità e l'affidabilità dei loro risultati identificando e correggendo correttamente le variabili estranee. Ciò comporta la riduzione o l'eliminazione degli effetti delle variabili estranee, sia attraverso il disegno sperimentale (per esempio, la randomizzazione, il controbilanciamento) sia attraverso l'analisi statistica. (ad esempio, includendo le variabili estranee come covariate). In questo modo i ricercatori possono aumentare la loro fiducia nei risultati dello studio e fornire informazioni più accurate e preziose alla comunità scientifica.

Quali sono i tipi di variabili estranee?

Esistono diversi tipi di variabili estranee che possono influenzare i risultati della ricerca scientifica. Ecco alcuni esempi:

Variabile delle caratteristiche della domanda

Un tipo di variabile estranea che si sviluppa quando i partecipanti a una ricerca modificano il loro comportamento o le loro reazioni in seguito a indicazioni o aspettative fornite dall'esperimento stesso. Per esempio, se i partecipanti sentono che ci si aspetta che si comportino o rispondano in un modo specifico, possono modificare il loro comportamento in modo appropriato.

Variabili situazionali

Questi sono variabili estranee che si verificano come risultato di elementi dell'ambiente sperimentale o del setting. Le variazioni della temperatura, dell'illuminazione o dei livelli di rumore, ad esempio, possono influenzare i risultati dello studio, così come la presenza di altri individui o di distrazioni nell'ambiente circostante.

Variabili dei partecipanti

Variazioni individuali tra i partecipanti che, se non tenute in considerazione, possono influenzare i risultati della ricerca. Si possono prendere in considerazione caratteristiche demografiche come l'età, il sesso e l'etnia, e psicologiche come i tratti della personalità, le capacità cognitive o l'umore.

Variabile sperimentatore

Le variabili relative agli sperimentatori sono classificate in due categorie. La prima è che le interazioni degli sperimentatori con i partecipanti potrebbero inavvertitamente influenzare il loro comportamento, il che è analogo alla variabile delle caratteristiche della domanda. Il secondo fattore è il potenziale pregiudizio causato dallo sperimentatore nella misurazione, nell'osservazione, nell'analisi o nell'interpretazione, che può alterare i risultati dello studio.

Variabili metodologiche

Le variazioni nella tecnica o nei processi di ricerca, come le deviazioni nelle apparecchiature di misurazione o nei metodi di raccolta dei dati, potrebbero essere variabili estranee che influenzano le conclusioni.

Variabili temporali

Le variabili temporali, come l'ora del giorno o il giorno della settimana, potrebbero essere fattori estranei che influenzano i risultati della ricerca.

Variabili del compito

Le caratteristiche del compito o dello stimolo utilizzato nello studio, come la sua difficoltà o familiarità, potrebbero essere variabili estranee che influenzano i risultati dello studio.

Come controllare le variabili estranee?

Ecco alcune semplici misure che i ricercatori possono adottare per controllare le variabili non controllabili:

1. Identificare le potenziali variabili non necessarie

I ricercatori devono analizzare attentamente tutti i potenziali fattori che potrebbero influenzare i risultati dello studio e identificare quelli estranei.

2. Metodo di controllo

Una volta identificate le variabili estranee che influenzano lo studio, si può scegliere un metodo di controllo. I metodi sono associati a una determinata categoria di variabili, il che rende semplice la scelta della tecnica da applicare. I metodi di controllo includono i seguenti:

Procedure standardizzate

Questo approccio riguarda le variabili situazionali, di tempo, di compito e di richiesta che si presentano nel disegno dello studio. Creare misure standard per un'impostazione coerente per tutti i partecipanti.

Controbilanciamento

Questo approccio è legato alle variabili dei partecipanti, come l'ordine specifico degli eventi dello studio. Per tenerne conto, si può chiedere a un gruppo di partecipanti di terminare una sezione, mentre un altro gruppo completa una sezione diversa.

Campionamento casuale

Questo approccio è legato alle variabili dei partecipanti e garantisce che tutti i partecipanti abbiano la stessa probabilità di essere scelti. Quando si dividono le persone in un gruppo di controllo e in un gruppo sperimentale, ad esempio, si possono estrarre i nomi a caso per garantire che ogni individuo abbia la stessa probabilità di far parte di uno dei due gruppi.

Mascheramento

Questo approccio riguarda le variabili dello sperimentatore. Il mascheramento consiste nel far somministrare l'esperimento a una persona che non è a conoscenza dell'obiettivo dello studio.

Mind the Graph è la più grande galleria di illustrazioni scientificamente accurate al mondo, ricca di illustrazioni e grafici di molte branche della scienza come la biologia, la chimica, la fisica e altre ancora. Semplice da usare e fantastica per migliorare la qualità del vostro lavoro!

Variabili estranee nella ricerca: Regolare le potenziali influenze
logo-iscrizione

Iscriviti alla nostra newsletter

Contenuti esclusivi di alta qualità su visual efficaci
comunicazione nella scienza.

- Guida esclusiva
- Suggerimenti per il design
- Notizie e tendenze scientifiche
- Tutorial e modelli